Il Brain Gym® è un programma educativo, pedagogico e di apprendimento. Si basa specificatamente sul movimento ed ha come obiettivo il benessere della persona che, attingendo alle proprie risorse, riesce a trasformare le sfide di apprendimento in successo.

Le colonne portanti del Brain Gym®

Brain Gym®, ginnastica del cervello attraverso il movimento del corpo, è la base della kinesiologia educativa. E’ l’esperienza che ci permette di conoscerci nel nostro essere mentale, emotivo e fisico contemporaneamente. Lo scopo della kinesiologia educativa è ottimizzare le nostre risorse innate integrando questi tre piani della coscienza.

Come si fa? “Stimolando il cervello attraverso il movimento del corpo”, dice Paul Dennison, il creatore della kinesiologia educativa e inventore di Brain Gym® insieme alla moglie Gail.
Brain Gym® è la serie dei movimenti che ci insegna ad imparare, ben sapendo che l’apprendimento non è un percorso limitato all’ambito scolastico, ma è un fenomeno naturale, innato, che si produce in ogni momento della vita.

Lateralità, Centratura e Focalizzazione

Brain Gym®, in quanto metodo pedagogico, pone in relazione le diverse aree cerebrali che regolano le funzioni mentale, emotiva, fisica con il movimento tridimensionale del corpo umano: lateralmente, su e giù, verso l’avanti e verso il dietro. Concepisce, così, tre dimensioni: lateralità, centratura e focalizzazione.

La dimensione della lateralità: fa riferimento alla neocorteccia, o cervello nuovo, dove è elaborato il linguaggio e, quindi, la comunicazione parlata e scritta. Consiste nella relazione tra i due emisferi corticali. Qui osserviamo la possibilità di comunicazione tra le competenze specifiche degli emisferi destro e sinistro e gli organi sensoriali associati, in particolare gli occhi e le orecchie. Questa è anche la dimensione della comunicazione tra la parte destra e quella sinistra del corpo, cioè della coordinazione motoria.
La dimensione della centratura: fa riferimento al cervello mediano. Consiste nella relazione tra l’area limbica e quella corticale in cui si tratta la possibilità di accesso alla sfera dell’emozione e, nello stesso tempo, a quella del pensiero elaborato. Pensare ed agire dal senso del centro del nostro corpo ci permette di servirci del pensiero e dell’azione come strumenti di noi stessi.
La terza dimensione di Brain Gym® è la Focalizzazione o Attenzione totale, attitudine possibile solo nella relazione equilibrata tra il sistema rettile e i lobi frontali. Qui scegliamo di dirigerci verso qualcosa o di allontanarcene. Tuttavia, qualunque tipo di stress, mentale, emotivo o fisico allerta il sistema nervoso e avvia una risposta di protezione o autodifesa. Quando l’attenzione del corpo fisico si regola su questo bisogno, non è materialmente possibile concentrarsi e scegliere.

L’integrazione promuove l’apprendimento

L’integrazione di queste tre dimensioni costituisce nella Kinesiologia Educativa il primo riferimento per l’ottimizzazione delle capacità di apprendimento, che diventa un processo naturale, agile e gioioso.

Ad ognuna delle tre dimensioni di Lateralità, Centratura, Focalizzazione, corrispondono dei movimenti estremamente efficaci i cui risultati divengono duraturi dopo due fondamentali “equilibrazioni”, che sono la “Rimodellazione della Lateralità secondo Dennison” e la “Rimodellazione delle Tre Dimensioni”.

Con il termine “equilibrazione” ci si riferisce al protocollo di procedure che contraddistingue il metodo, allo scopo di ripristinare nella persona l’originale agilità di apprendimento.

È grazie a Paul e Gail Dennison se oggi disponiamo di uno strumento così efficace e così semplice per liberare le risorse umane e potenziare le capacità di apprendimento.

0
Anni di esperienza
0
+
Corsi ed eventi organizzati
0
+
Ore di formazione offerte

Paul e Gail E. Dennison: i fondatori del Brain Gym®

Paul E. Dennison è colui che ha ideato e sviluppato la pedagogia del Brain Gym®.
Pedagogista statunitense, inizia le ricerche negli anni ’60 nei suoi centri di apprendimento frequentati da bambini, ragazzi ed adulti con difficoltà nella lettura, scrittura e calcolo.
Grazie alla collaborazione con Optometristi comportamentali, Dennison riesce a offrire ai suoi studenti un programma completo di movimenti che promuovono lo sviluppo sensoriale e percettivo.

Nel 1975 iniziano ad arrivare i primi riconoscimenti istituzionali come il premio universitario “Phi Delta Kappa” per le sue meritevoli ricerche presso l’università della California del sud ed il suo dottorato di ricerca in Pedagogia, sulla relazione tra il processo di lettura e lo sviluppo cognitivo del linguaggio interiore.
Dai risultati delle sue ricerche, Dennison sviluppa quello che più tardi definirà come edu-k, Kinesiologia educativa, ovvero imparare attraverso il movimento ed inizia ad insegnare in diversi paesi, più di 15, dove fa conoscere il suo pensiero innovativo.
Negli anni ’80 inizia una collaborazione speciale con una persona che lo accompagnerà nella sua vita lavorativa e personale, l’artista ed educatrice del movimento Gail Hargrove, sua moglie.
Insieme continuano ad insegnare e sviluppare quello che ben presto verrà denominato come Brain Gym®. Nel 1986 raggruppano alcune loro attività e le descrivono in un piccolo libro arancione dal titolo: “Brain gym, simple activities for whole brain learning”.
Paul e Gail Dennison a questo punto elaborano nuovi movimenti ed attività che daranno corpo ad una serie di testi e manuali di corsi come “I Cerchi di Visione” e “Dinamiche del movimento”.
La loro attività pedagogica nel mondo ha prodotto grande entusiasmo ed oggi il Brain Gym® è insegnato in 40 lingue ed utilizzato in oltre 80 paesi.